FAQ

Il Consulente esegue una analisi completa della situazione finanziaria del cliente (usa una piattaforma dove trova tutti gli strumenti finanziari in circolazione), prepara un report chiaro e sintetico con la qualità dei prodotti finanziari/assicurativi in portafoglio e i relativi costi, consiglia i prodotti da tenere e quelli da sostituire e indica strumenti finanziari efficienti (bassi costi di gestione, rendimenti correlati al rischio). Controlla costantemente l’andamento del tuo portafoglio, ti presenta una situazione trimestrale dei tuoi investimenti.

Che il Consulente indipendente non ha alcun legame né con banche, con società di gestione del risparmio, con Assicurazioni. E’ un libro professionista, risponde solo al cliente. Quindi fa solo gli interessi del cliente.
Non lavorando per un’azienda commerciale, non vende nessun prodotto e, quindi, non riceve né percentuali né provvigioni sul collocamento di prodotti finanziari.

Il Consulente finanziario indipendente fee only presenta una parcella proporzionale al servizio erogato, in base alle necessità ed obiettivi del cliente, alla sua situazione patrimoniale e al tempo dedicato per l’assistenza. La parcella viene valutata caso per caso, sempre sulla base di un preventivo. Il cliente sa sempre quanto e perché spende.

Il Consulente finanziario indipendente opera in totale indipendenza da qualunque società (banca, compagnia di assicurazioni, SIM, etc.).
Non entra mai in contatto con il denaro del cliente, non tocca mai i suoi soldi.
Segue costantemente corsi di formazione, si avvale dei più avanzati strumenti a disposizione e del supporto di società leader in Italia nella fornitura di servizi di consulenza finanziaria indipendente.
L’iscrizione a NAFOP, la prima associazione italiana dei Consulenti fee only, garantisce l’osservazione di un preciso codice deontologico.
Come disposto dalla CONSOB, il Consulente è coperto da un’assicurazione di responsabilità civile professionale.

Puoi continuare a tenerli nelle banche dove li hai e dove preferisci. Eventualmente il Consulente finanziario indipendente può aiutare a trattare tassi e condizioni migliori.

La “consulenza” che promotori e assicuratori danno al cliente è finalizzata alla vendita di prodotti, e normalmente sono quelli indicati dalle società che li pagano: quindi devono rispettare i budget che gli vengono imposti, giustificare lo stipendio e anche ottenere percentuali. La consulenza, per essere considerata tale, deve essere indipendente e priva di conflitti di interesse.
Di veramente gratuito c’è solo l’aria che respiriamo…il resto si paga sempre, in un modo o nell’altro.

Si tratta di reti di promotori finanziari multibrand (ossia che possono vendere prodotti di più case) la cui struttura bancaria ha voluto dare la parvenza di indipendenza “copiando” alcune caratteristiche della consulenza indipendente pura, come ad esempio il pagamento di una parcella. In realtà il tutto è un’abile mossa di marketing, e i clienti si ritrovano a pagare due volte (parcella + costi dei prodotti) senza alcun beneficio. Questi operatori devono sottostare a dei budget di vendita e ricevono comunque una provvigione sui prodotti che offrono, e pur disponendo di più case, possono essere portati a vendere maggiormente quelli sui quali il loro ritorno economico è più alto.

Il Consulente finanziario indipendente è uno specialista del settore. Per un check-up sulla mia salute, vado dal medico, non faccio da solo.

No! Nessun libero professionista, nessun consulente indipendente o meno può dare tale garanzia. L’avvocato non può garantire la cliente che vincerà la causa, il medico non può garantire al paziente che guarirà. Chiunque garantisca un risultato, la sta prendendo in giro. Nel mercato dei titoli, degli strumenti finanziari non esistono garanzie assolute, ma il consulente può operare in modo da ridurre al minimo questi rischi.
Comunque non è mai possibile avere alti rendimenti con rischi bassi: il rendimento di uno strumento finanziario è sempre correlato al rischio di perdere (in tutto o in parte) il proprio investimento.